in

Chi è Achille Lauro, ospite Festival di Sanremo 2021

Achille Lauro, pseudonimo di Lauro De Marinis, è un cantante, rapper e autore discografico italiano.

Ha partecipato a Sanremo per due volte consecutive (2019 e 2020) facendo non poco scalpore per via dei suoi look esuberanti e iconici.

I look di Achille Lauro durante il Festival di Sanremo 2020

In occasione della 71° edizione del Festival di Sanremo lo troveremo sul palco come ospite fisso di tutte le serate in compagnia del calciatore rossonero Zlatan Ibrahimovic.

Il festival della canzone 2021 aprirà i battenti martedì 2 Marzo e ci accompagnerà fino a venerdì 6 Marzo.

Le serate verranno ospitate su RAI 1 come da tradizione e, per la prima volta nella storia della rassegna, non ci sarà il pubblico, in pieno rispetto delle norme COVID.

Achille è prontissimo a partecipare al suo terzo Festival e siamo sicuri che troverà il modo di farsi riconoscere come in passato.

Ma cosa sappiamo di lui?

Biografia

Achille Lauro è nato a Verona l’11 Luglio 1990.

Il padre Nicola è un magistrato della corte di cassazione mentre la madre Cristina Zambon è una casalinga.

Nonostante nasca a Verona, cresce a Roma e a quattordici anni decide di andare a vivere dal fratello maggiore Federico.

Federico Fet De Marinis, fratello maggiore di Achille Lauro

Il fratello è molto conosciuto nel panorama musicale con lo pseudonimo artistico di Fet e questo avvicina Achille al mondo del rap underground e del punk rock.

Achille si rivela un portento in campo musicale e in poco tempo riesce ad acquisire popolarità e a fondare la No Face Agency, agenzia discografica gestita dalla madre.

La sua scelta di affermarsi come cantante lo porta a rompere ogni rapporto con il padre e i due non si parlano più da parecchio tempo.

Carriera TV

Achille fa la sua prima esperienza TV nel 2017 quando, insieme al suo produttore Edoardo Manozzi aka Boss Doms, partecipa a Pechino Express.

Achille e Boss Doms durante Pechino Express

Il duo partecipa al reality con lo pseudonimo #icompositori e riesce a portarsi a casa il terzo posto.

Successivamente Lauro produce il cortometraggio Terrurismo per il quale viene premiato con il MaTiff, premio pensato per i giovani produttori.

Nel 2018 è attore e autore di testi del lungometraggio ispirato ad Elisa Claps (giovane studentessa scomparsa misteriosamente nel Settembre 1993) Applausi.

In seguito è protagonista del corto in realtà virtuale Happy Birthday e il lavoro viene portato alla 76° Mostra del cinema di Venezia.

Achille Lauro in una scena di Happy Birthday

Nel 2019 esce su SKY il primo film autobiografico di Lauro, No Face 1, diretto da lui stesso e da Sebastiano Bontempi.

Nel Gennaio dello stesso anno pubblica la sua autobiografia Sono io Amleto edito da Bonpiani.

Nel Maggio 2020 esce il suo secondo libro 16 Marzo: L’ultima notte.

Partecipa poi, sempre in coppia con Boss Doms, al reality di Amazon Prime Video Celebrity Hunted.

Carriera discografica con i Roccia Music

Achille Lauro esordisce con il mixtape Barabba e Harvard nel 2012.

Il mixtape vede la collaborazione di Quarto Blocco, crew del fratello Fet, Frigo, Caputo e Sedato.

È in questi anni che Lauro de Marinis sceglie il suo nome d’arte, ispirandosi all’omonimo armatore partenopeo Achille Lauro per l’appunto.

Barabba e Harvard viene messo online a fruizione gratuita.

Il disco ha molto successo perciò Lauro diventa l’artista di spicco della crew Quarto Blocco e diversi esponenti dell’underground romano come DJ 3d e Noyz Narcos lo accolgono tra loro e lo aiutano ad entrare in Roccia Music.

L’entourage di Roccia Music al gran completo

I produttori di Roccia Music sono Marracash e Shablo e i due rapper si accorgono subito del potenziale di Lauro così nel Febbraio 2014 fanno uscire l’album Achille Idol Immortale, anche questo in download gratutito.

La produzione del 2014 vede la collaborazione di Marracash, Noyz Narcos, Gemitaiz e Coez.

L’anno successivo Roccia Music investe ancora su Lauro che pubblica l’LP Young Crazy EP di sei brani tra cui si annovera il famosissimo pezzo La Bella e la Bestia.

Il 26 Maggio 2015 viene pubblicato il secondo album di Lauro, Dio c’è, ennesimo lavoro che dimostra come Achille abbia un travagliato e profondo legame con il mondo spirituale.

Sull’onda del successo Achille lascia Roccia Music nel 2016 con l’intento di creare una sua etichetta discografica.

Carriera discografica con la No Face Agency

Nasce così la No Face Agency e in poco tempo arriva anche il terzo album dell’artista, Ragazzi madre.

L’album consacra il sodalizio di Lauro con il produttore Boss Doms.

La copertina dell’album Ragazzi Madre

Nell’Ottobre del 2017 Lauro firma un contratto annuale con la Sony Music e a Novembre esce 1 Year Anniversary di Ragazzi Madre con 8 tracce bonus.

Durante tutto il 2017 si avvicina sempre più a rapper emergenti della nuova scuola e pubblica brani di successo come Thoiry RMX.

Lo stile musicale di Lauro è notevolmente cambiato rispetto agli esordi e l’artista crea un nuovo genere, il samba trap, di cui è stendardo il brano Amore mi.

Nella prima metà del 2018 arriva Pour l’amour, 4° disco dell’artista, in cui si trova un fusion di generi musicali che spaziano dalla sonorità napoletana al trap.

Il 1° Maggio è sul palco del Concertone romano e a Dicembre collabora con Anna Tatangelo nel remix Ragazza di periferia 2.0

L’esperienza a Sanremo 2019

Il 22 Dicembre 2018 viene ufficializzata la partecipazione di Lauro al 69° Festival di Sanremo con l’inedito Rolls Royce.

Il pezzo si discosta totalmente dai generi precedentemente usati dall’artista ed entra di diritto nella categoria rock.

L’anticonformismo sonoro del pezzo è accolto freddamente dalla critica e dalla stampa del Festival ma piace molto al pubblico che lo scarica massivamente da Spotify, rendendolo il terzo pezzo con più download.

L’8 Febbraio 2019 Lauro duetta con Morgan sul palco dell’Ariston ma il duo, nonostante riscuota un bel successo di pubblico, non riesce a vincere la serata.

Morgan e Lauro durante il duetto al Festival di Sanremo 2019

L’esperienza di Achille Lauro si conclude con il nono posto su 24 partecipanti.

L’esperienza a Sanremo 2020

Dopo aver pubblicato il 5° album dalle sonorità rock 69, Achille decide di partecipare ancora a Sanremo.

Si presenta al Festival con il brano Me ne frego e diventa una vera e propria icona di stile ed esuberanza per via dei look che sfoggia sul palco.

La sua tutina d’oro è entrata negli annali del Festival della canzone così come il suo travestimento da David Bowie che ha sfoggiato durante il duetto con la cantante Annalisa.

Achille Lauro e Annalisa durante il duetto al Festival di Sanremo 2020

L’esperienza a Sanremo di Lauro si conclude con l’ottavo posto.

Il dopo Sanremo

Dopo il Festival della canzone Achille entra nell’etichetta Warner Music Italy e riceva la nomina come Chief Creative Director per la sussidiaria Elektra Records.

Il 24 Luglio 2020, proprio per Elektra Records, esce 1990, sesto album in studio dell’artista.

Successivamente produce 1969 Achille Idol Rebirth, rivisitazione di Rolls Royce in cui troviamo i singoli usciti nel 2020 e una versione di C’est la vie con Fiorella Mannoia.

Il 23 Novembre dello stesso anno Lauro sorprende i suoi fan dichiarando l’uscita – avvenuta il 4 Dicembre – di 1920 – Achille Lauro & The Untouchable Band.

Il disco ha una sonorità jazz-swing e vede ad accompagnarlo un’orchestra live.

Vita privata

Achille Lauro è fidanzato con una ragazza di nome Francesca.

Francesca e Achille

Comments

Leave a Reply

2 Pings & Trackbacks

  1. Pingback:

  2. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0
13 cose che un Vergine ama e non ama in una donna

9 cose essenziali che un uomo Ariete cerca in una donna

Chi è Zlatan Ibrahimovic, ospite Sanremo 2021