in

Chi è Beatrice Bebe Vio, oro Paralimpiadi Tokyo 2020

Beatrice Bebe Vio è una schermitrice italiana che, nel corso delle Paralimpiadi nipponiche, ha vinto 2 titoli: l’oro nel fioretto individuale e l’argento in quello a squadre.

Bebe è l’atleta simbolo delle Paralampiadi e delle discipline paralimpiche più in generale: la sua forza d’animo e la solarità con cui affronta la disabilità da cui è affetta rappresentano per tutti un esempio lampante di come, nella vita, bisogna sempre essere positivi.

La schermitrice è la quinta atleta plurimediagliata di questi Giochi; la classifica è guidata dalla nuotatrice Carlotta Gilli, vincitrice di 5 medaglie (2 ori, 2 argenti e 1 bronzo).

Ma cosa sappiamo di Bebe Vio? Conosciamola un po’ meglio 😉

Biografia

Beatrice Vio, nata come Beatrice Maria Adelaide Marzia Vio, è nata a Venezia il 4 marzo 1997.

È la seconda di tre fratelli e cresce nel comune di Mogliano Veneto, dove inizia a praticare scherma a soli 5 anni e mezzo.

A fine 2008, a soli 11 anni, viene colpita da una meningite fulminante che le causa un’estesa infezione, con annessa necrosi di avambracci e gambe. Ai medici non resta quindi che amputarle tutti e quattro gli arti con la speranza di farle salva la vita.

Dopo 3 mesi e mezzo di ospedale, Bebe viene dimessa e inizia subito il percorso di riabilitazione motoria e fisioterapia presso il centro INAIL di Budrio (Bologna).

Segue un anno di cure specifiche e, contro ogni pronostico, ricomincia a praticare il fioretto a livello agonistico, grazie alla creazione di una protesi progettata ad hoc per sostenere l’arma.

Carriera sportiva

Forte della sua nuova veste di schermitrice, Beatrice Bebe Vio si esibisce in numerosi eventi sportivi di beneficienza, spesso insieme alla sua sportiva del cuore, la spadaccina plurimedagliata Valentina Vezzali.

Nel 2012 è tra i teodofori delle Paralimpiadi di Londra e, in occasione di EXPO 2015, viene scelta dalla regione Veneto come testimonial.

Nel 2016, in occasione dei Giochi di Rio de Janeiro, vince l’oro nel fioretto individuale e il bronzo nella prova a squadre. Sfila inoltre come portabandiera della cerimonia di chiusura.

Beatrice ”Bebe” Vio durante Rio de Janiero 2016

Nel novembre 2017, la schermitrice conquista il secondo titolo di campionessa mondiale paralimpica del fioretto in occasione dei Campionati di scherma di Fiumicino.

Decide quindi di mettere all’asta la medaglia e di destinare i ricavi alla Cesvi, organizzazione umanitaria che opera per la solidarietà internazionale.

L’anno successivo bissa il successo per la terza volta consecutiva, consacrandosi campionessa del mondo nel fioretto, battendo a Terni l’atleta russa Irina Misurova.

Ad agosto 2021 vince l’oro nel fioretto individuale ai Giochi paralimpici del Giappone, battendo in finale per 15 a 9 la cinese  Zhou Jingjing. Il giorno seguente si laurea vice campionessa nella gara a squadre.

Beneficienza e altri progetti

Beatrice Bebe Vio è anche nota per il suo impegno umanitario; non solo è stata spesso testimonial in diversi programmi TV con lo scopo di promuovere lo sport paralimpico in generale ma, insieme ai genitori, ha fondato la art4sports, ONLUS di sostegno all’integrazione sociale tramite la pratica sportiva di quei bambini che hanno subìto amputazioni.

Nel settembre 2016 è stata fotografata da Anne Geddes per una campagna a favore della vaccinazione contro la meningite.

Nel 2017 ha invece condotto su RAI 1 il programma di approfondimento sportivo La vita è una figata.

Ha anche ideato, sempre insieme ai genitori, l’evento ”giochi senza barriere”, dedicato agli atleti affetti da disabilità.

Per via dei suoi impegni sportivi e sociali, nel 2018 è stata insignita dalla Camera dei Deputati del Premio America della FONDAZIONE USA.

Infine, nel 2018 ha prestato la voce ad uno dei personaggi del film d’animazione Gli Incredibili 2 e la Mattel, azienda creatrice della Barbie, le ha dedicato un esemplare unico.

La Barbie dedicata a Bebe Vio

Vita privata

Secondo i rumors più accreditati, Bebe Vio farebbe coppia fissa con lo schermidore Giorgio Avola.

I due sono stati paparazzati insieme dal rotocalco Oggi nella primavera scorsa ma, al momento, non hanno né confermato né smentito la relazione.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Chi è Stefano Raimondi, oro Paralimpiadi di Tokyo 2020

Chi è Simone Barlaam, oro Paralimpiadi Tokyo 2020