in

Condizioni di salute Le donne di colore devono essere particolarmente consapevoli

Alcune condizioni di salute colpiscono le donne di colore più delle donne di altre etnie. Essere meglio informati può aiutare a ridurre il rischio per alcune di queste condizioni.

Sfortunatamente, le donne di colore devono essere particolarmente consapevoli di determinate condizioni di salute. Sembra spaventoso, ma più sai, meglio è. Ecco alcuni problemi di salute su cui le donne nere potrebbero voler saperne di più.

Anemia falciformeNegli Stati Uniti, questa malattia genetica colpisce più comunemente le persone di colore. Affinché un bambino nasca con anemia falciforme, entrambi i genitori devono portare un gene falciforme.

L’anemia falciforme è una forma ereditaria di anemia, una condizione in cui non ci sono abbastanza globuli sani per trasportare l’ossigeno in tutto il corpo. I globuli rossi sono normalmente flessibili e rotondi e si muovono facilmente attraverso i vasi sanguigni. Quando si ha l’anemia falciforme, i globuli rossi si irrigidiscono e hanno la forma di lune crescenti. Poiché hanno una forma irregolare, rimangono bloccati nei piccoli vasi sanguigni. Ciò può bloccare il flusso sanguigno e l’ossigeno a parti del corpo.

Non esiste una cura per la maggior parte delle persone con anemia falciforme. I trattamenti possono alleviare il dolore e aiutare a prevenire i problemi associati alla malattia.

Parto prematuro Un parto pretermine è quando un bambino nasce abbastanza presto da causare potenziali problemi al bambino, prima che le 37 settimane di gravidanza siano state completate. Nel 2016, circa un bambino su 10 ha avuto un parto pretermine. Il tasso di nascita pretermine era del 14% tra le donne afroamericane nel 2016, afferma il Centers for Disease Control and Prevention. Si tratta di circa il 50% in più rispetto al tasso di nascite pretermine tra le donne bianche, che era del 9%. Ulteriori informazioni sulla gestione dei fattori di rischio per il parto prematuro .

Cancro al senoLe donne di colore hanno dal 20 al 40% in più di probabilità di morire di cancro al seno . Ciò è dovuto a fattori come la genetica, le differenze nell’assistenza sanitaria e la biologia del cancro. L’American College of Radiology e la Society of Breast Imaging raccomandano di aggiungere le donne nere ai gruppi considerati ad alto rischio di cancro al seno, la prima volta che le donne nere sono state classificate come un gruppo ad alto rischio.

Le organizzazioni suggeriscono che le donne ad alto rischio di cancro al seno si sottopongono a screening più frequentemente e utilizzano una risonanza magnetica o un’ecografia nonché una mammografia. Dicono che una donna ad alto rischio potrebbe sottoporsi a una mammografia all’inizio dell’anno e poi una risonanza magnetica sei mesi dopo. Suggeriscono che queste donne vengano valutate a partire dai 30 anni non più tardi.

Diabete

Alcune popolazioni sono a maggior rischio di diabete . Secondo l’American Diabetes Association, il 13,2% di tutti gli afroamericani di età pari o superiore a 20 anni ha diagnosticato il diabete. Gli afroamericani hanno 1,7 volte più probabilità di avere il diabete rispetto ai bianchi non ispanici.

Cancro cervicaleUno studio pubblicato su Cancer ha scoperto che il tasso di mortalità per cancro cervicale negli Stati Uniti è più alto di quanto si pensasse in precedenza, soprattutto tra le donne afro-americane. I ricercatori hanno scoperto che le donne nere negli Stati Uniti muoiono di cancro cervicale a un tasso superiore del 77% rispetto a quanto si pensava in precedenza. È il doppio del tasso delle donne bianche negli Stati Uniti. I ricercatori hanno anche scoperto che le donne nere di 85 anni e più avevano il più alto tasso di mortalità. Lo studio ha rilevato che le donne di colore negli Stati Uniti che non hanno subito un’isterectomia hanno la stessa probabilità di morire di cancro cervicale delle donne nei paesi sottosviluppati dell’Africa sub-sahariana.

La maggior parte delle organizzazioni mediche suggerisce che tutte le donne di età compresa tra 21 e 29 anni effettuino un Pap test ogni tre anni. Le donne di età compresa tra i 30 ei 65 anni dovrebbero sottoporsi a un Pap test e un test HPV ogni cinque anni o un Pap test da solo ogni tre anni. Le donne di età superiore ai 65 anni che hanno avuto controlli regolari con risultati normali non dovrebbero essere sottoposte a screening per il cancro cervicale. Le donne a cui è stato diagnosticato un cancro cervicale dovrebbero continuare a essere sottoposte a screening secondo le raccomandazioni dei loro medici.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Un altro studio sulla terapia ormonale e sul cancro al seno

Per alcune donne, le mammografie potrebbero dover iniziare a 30 anni