in

Le donne più pesanti possono aver bisogno di mammografie più spesso

Le donne in sovrappeso o obese potrebbero dover essere sottoposte a screening per il cancro al seno più frequentemente, suggerisce una nuova ricerca svedese.

LUNEDÌ, 20 novembre 2017 (HealthDay News) – Le donne in sovrappeso o obese potrebbero dover essere sottoposte a screening per il cancro al seno più frequentemente, suggerisce una nuova ricerca svedese.

La ragione? Le donne in sovrappeso o obese corrono un rischio maggiore di avere il cancro al seno rilevato dopo che il tumore è cresciuto di dimensioni – oltre 2 centimetri – rispetto alle loro controparti più magre, lo studio ha rilevato.

Le donne più pesanti hanno anche una prognosi peggiore quando i loro tumori al seno vengono rilevati tra i normali screening del cancro (noti come tumori a intervalli) rispetto alle donne di peso normale, i risultati hanno mostrato.

“Sembra che le donne in sovrappeso avrebbero bisogno di intervalli di tempo più brevi tra gli screening rispetto ad altre donne, ma il nostro studio non è stato progettato per quantificare quanto”, ha spiegato il dottor Fredrik Strand, radiologo presso il Karolinska University Hospital.

Lo studio ha incluso più di 2.000 donne svedesi. Tutti avevano un’età compresa tra 55 e 74 anni, ha detto Strand. A tutti è stato diagnosticato un cancro al seno invasivo tra il 2001 e il 2008. Il BMI medio era 25,6. L’IMC è una stima approssimativa del grasso corporeo basata su misurazioni di altezza e peso.

Un BMI compreso tra 18,5 e 24,9 è considerato normale. Un BMI compreso tra 25 e 29,9 è in sovrappeso e oltre i 30 è considerato obeso.

Una donna di 5 piedi e 6 pollici con un BMI normale peserebbe tra 118 e 150 libbre. Per quella stessa donna, il sovrappeso sarebbe di circa 155-180 libbre. L’obesità inizierebbe intorno ai 186 libbre, secondo il National Heart, Lung e Blood Institute degli Stati Uniti.

I ricercatori volevano sapere quali fattori, in un paese con accesso universale allo screening del cancro al seno, avrebbero potuto avere un ruolo in queste donne che avevano tumori di grandi dimensioni quando diagnosticati al momento dello screening o durante l’intervallo tra gli screening. Per questo studio, l’intervallo tra le proiezioni era fino a due anni, ha detto Strand. Negli Stati Uniti, l’intervallo di solito è di circa 12 mesi, hanno osservato i ricercatori.

Lo studio ha rilevato che un BMI superiore a 25 e un tessuto mammario più denso erano collegati a maggiori probabilità di un tumore di grandi dimensioni quando diagnosticato un cancro al seno durante uno screening. Solo il BMI era associato ad avere un grande tumore per i tumori a intervalli.

Le donne con un BMI superiore a 25 con tumori a intervalli hanno avuto una prognosi peggiore rispetto alle donne più magre. Strand ha detto che una prognosi peggiore è stata definita come il ritorno del cancro, la diffusione del cancro o la morte per cancro.

I risultati dello studio potrebbero essere ancora più forti se fatti su una popolazione statunitense, ha aggiunto, perché le persone negli Stati Uniti tendono ad essere più pesanti di quanto non siano in Svezia.

La dottoressa Laurie Margolies, capo dell’imaging del seno presso il Mount Sinai Health System di New York City, ha detto che lo studio aggiunge “un’altra prova che potrebbe porre fine alla confusione su quando ottenere una mammografia. Le donne dovrebbero essere sottoposte a screening ogni anno”.

Entrambi gli esperti hanno notato che i risultati devono essere replicati. E Margolies ha detto che le piacerebbe vedere lo studio fatto con una popolazione statunitense.

Strand presenterà il suo studio il 29 novembre alla riunione annuale della Radiological Society of North America, a Chicago. I risultati presentati alle riunioni sono generalmente considerati preliminari fino a quando non vengono pubblicati in una rivista peer-reviewed.

FONTI: Fredrik Strand, MD, radiologo, Karolinska University Hospital e Ph.D. candidato, Karolinska Institute, Svezia; Laurie Margolies, capo dell’imaging del seno presso il Mount Sinai Health System e professore di radiologia, Icahn School of Medicine del Mount Sinai, New York City; 29 novembre 2017, presentazione, Radiological Society of North America, Chicago

Copyright © 2017 HealthDay . Tutti i diritti riservati.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caricando...

0

Pillola anticoncezionale legata a un leggero aumento del rischio di cancro al seno

Il diabete può causare alti tassi di cancro al seno nelle donne di colore